Produttore: Domaine Chevillon-Chezeaux
Tipo di vino: vini
Vitigno: Pinot Nero 100%
Denominazione: Nuits Saint Georges Vieille Vignes Aoc.
Nome del vino: Nuits Saint Georges Vieille Vignes
Prezzo: € 52,90
Affinamento La Borgogna sembra essere stata creata per il pinot nero e non viceversa. Il Vieilles Vignes viene fatto con una selezione manuale rigidissima dei migliori acini delle vigne più vecchie : la quintessenza di Nuits Saint Georges. Vinificazione secondo il più puro stile borgognone, batonnage biquotidiano, pieces da 228 litri in rovere. Tradizione e modernità per un grande vino di Borgogna.
Aromi del vino: Il tenue floreale di questo succo si anticipa a tutto il resto: delicato idrocarburo, frutto rosso piccolo. È un pinot noir riconoscibile ed elegante, con una fine nota di talco.
Alla beva è piacevolmente sapido, caldo, con lungo finale liquirizioso e balsamico.
Dopo il sorso una dolcissima prugna secca ne lascia il ricordo.
Grado alcolico%: 13% vol.
Temperatura: 16-18° c.
Abbinamento cibo Filetto di tonno scottato in padella con sesamo e salsa di soia? Un filetto di tonno accompagnato da un Pinot Nero.

NOTE

Struttura, muscolo, pienezza tannica, quindi una sostanziale potenza del vino. Queste alcune caratteristiche in linea del tutto approssimativa con le quali possiamo condensare il carattere che il territorio di Nuits-Saint-Georges conferisce al vino. Il Comune più grande della Côte d’Or dopo Beaune, porta di ingresso per la Côte de Nuits se venite da sud, altrimenti si tratta di un arrivederci.

300 gli ettari vitati, quasi esclusivamente a bacca rossa (ben 292), un Comune articolato sotto il punto di vista ampelografico, con ben 41 Premier Cru e nessun Grand Cru. Si dice che quando fu disegnata la legislazione dei vini borgognoni l’allora Sindaco, in prima linea nella stesura, nonché proprietario di una parcella nell’attuale Premier Cru “Les Saint-Georges”, per evitare un’accusa di conflitto di interessi non volle proporre nessuno dei vigneti del proprio Comune per il conseguimento della massima Appellation di Borgogna. Una lezione di civiltà o soltanto racconti? I palati che sanno assicurano che almeno un paio di vigneti di Nuits-Saint-George riproducono a livello qualitativo e di territorio il pari di un Grand Cru.

Dispute che in ogni caso non riguardano il vino oggetto delle degustazione, dove certamente non andremo a ricercare complessità e caratteri distintivi meritori di un riconoscimento di eccellenza, ma peculiarità del Comune che si lasciano pur sempre apprezzare con estrema soddisfazione. Parliamo della denominazione Village prodotta dal Domaine Chevillon-Chezeaux. Azienda proprietaria di 8,60 ettari, tutti a Nuits-Saint-Georges, divisi addirittura in 55 parcelle differenti! La rappresentazione del delirio, quindi massima solidarietà a chi pianifica e gestisce la vendemmia al Domaine, ma consapevolezza nel descrivere una dinamica assolutamente rappresentativa della Borgogna.

Podere Sapaio s.a.s - P.Iva 01364750495 - Tutti i diritti riservati