Produttore: Pierre Bise
Tipo di vino: vini
Vitigno: Chenin Blanc
Denominazione: Appellation Anjou Controlée
Nome del vino: Anjou Le Haute de la Garde (Biologico)
Prezzo: € 20,30
Affinamento Nessun aggiunta di lieviti selezionati, nessun enzima, nessuna aggiunta di zuccheri.
Fermentazioni lente da 8 a 12 mesi
Aromi del vino: La bottiglia di Haute de la Garde cattura già dalla forma elegante con cui si presenta a tavola. Mentre, il colore che troviamo nel bicchiere è carico, dorato, con riflessi quasi aranciati. Un intensità di colore che si sposa con i profumi del vino e le sensazioni che sentiremo in bocca. Infatti, al naso è complesso e ben equilibrato si percepisce un finale quasi dolce e subito seguiti dal il tipico sentore di Botrytis Cinerea. Parliamo di un fungo che attacca la vite, ma che in questo svolge una funzione importante e positiva: disidrata il chicco d’uva rendendolo più concentrato e ricco di zuccheri
Grado alcolico%: 14% vol.
Temperatura: 8-10°C.
Abbinamento cibo In un mondo ideale, il piatto di cucina italiana preferito con un tuo vino
Un Anjou “Haut de la Garde” 2004 con pasta, o pizza, o formaggio.
Io preferisco suggerirlo con i crostacei o con del formaggio dal’alpeggio non troppo stagionato.

NOTE

Anno di fondazione: 1980
Ettari coltivati a vite: 32
Produzione Bottiglie Anno: 150.000
Vini principali: Savennières AOC - Côtes du Rhône AOC - Vin de Pays
Uve: 100% Proprietà
Filosofia: Viticoltura non interventista

Indirizzo: Impasse Chanoine de Douvres, 49750 Beaulieu-sur-Layon (Francia)
Regione: Valle della Loira

Proprietario: Claude e Joelle Papin-Chevalier

Claude e Joelle Papin-Chevalier hanno acquisito iniziato Chateau Pierre Bise circa 30 anni fa, l'azienda possiede oltre 32 ettari di vigneti nell'Anjou (Valle della Loira) e produce una vasta gamma di bianchi secchi, rossi e vini dolci. La filosofia Papin può essere racchiusa in tre concetti: terroir, polifenoli e botrite. E 'sua convinzione che un vino possa definirsi grande solo attraverso l'interazione di questi tre aspetti; per essere in grado di esprimere il terroir, ai suoi vini deve essere consentito di mantenere il livello ottimale di polifenoli evitando quindi la scissione delle molecole polifenoliche. L'uva regina a bacca bianca dei vini di Chateau Pierre Bise è lo Chenin Blanc che Claude vinifica per realizzare magnifici vini bianchi secchi (Savennières AOC) e vini dolci (Coteaux du Layon e Quarts de Chaume AOC); le uve a bacca nere coltivate in azienda sono il Cabernet Sauvignon, il Gamay ed il Cabernet Franc (Anjou AOC).
Alla fine del 2011 gli sforzi in corso di Papin sono stati premiati, con l'approvazione dello status di Grand Cru per Quarts de Chaume (diventando così il primo Grand Cru nella Loira) e lo stato Premier Cru per Coteaux du Layon.

Podere Sapaio s.a.s - P.Iva 01364750495 - Tutti i diritti riservati